Rosy Bindi protegge la Mafia?

Rosy Bindi Mafia
Una terribile gaffe o un inquietante lapsus freudiano?

Il 22 ottobre 2013 Maria Rosaria Bindi, meglio conosciuta come Rosy Bindi, è stata eletta presidente della Commissione parlamentare antimafia. Non male per una che qualche mese prima, in occasione della propria candidatura alle primarie del Partito Democratico in Calabria, ammetteva candidamente di non sapere nulla sulla mafia. Comunque la picciotta ha imparato in fretta. Il giorno dopo esser stata eletta ha dichiarato: «Gli scopi e le finalità della Commissione [antimafia] sono quelli di combattere la lotta alla Mafia». Ecco il video con le sue inequivocabili parole. L’avvertimento è stato lanciato: chiunque provi a mettersi contro la Mafia potrebbe scatenare l’ira della Bindi e dei suoi scagnozzi. Del resto qualche sentore del suo essere mafioso lo aveva dato già dato da tempo, almeno secondo quanto affermato da Luigi Lusi nel maggio 2012 davanti alla Giunta per le autorizzazioni del Senato. Secondo il tesoriere della Margherita, infatti, parte dei soldi sottratti dalle casse del partito venivano dirottati proprio a favore della nuova presidente della Commissione parlamentare antimafia.

Ovviamente si fa per scherzare, non vorremmo ritrovarci una testa di cavallo mozzata dentro al letto. Signora Bindi baciamo le mani.

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Rosy Bindi protegge la Mafia?

  1. Agata Amantia ha detto:

    Non esageriamo, per carità. Personalmente non credo che sia stata la scelta più opportuna, ma da qui a insinuare altro, ne corre. Un lapsus linguae e basta. Che poi di mafia non ne sappia nulla o poco è cosa grave. E qui il discorso si fa serio. La profonda conoscenza dei sistemi mafiosi dovrebbe essere obbligatoria, anche perché non si discute più di coppole e lupara, ma di sistema economico e politico. Tutt’altra cosa.

    • sporchibanchieri ha detto:

      Vogliamo pensare in un tuo eccesso di ironia. Fra l’altro, anche volendo essere seri… «anche perché non si discute più di coppole e lupara, ma di sistema economico e politico. Tutt’altra cosa». Non sono forse le dichiarazioni di Lusi proprio di carattere “economico e politico”? Baciamo le mani.

      • Agata Amantia ha detto:

        Che bella chiusura , complimenti! Conoscete la mia storia personale, conoscete la mia vita e il mio impegno civile, forse? E qui sbagliate, miei cari, quando vi lasciate trasportare dalla rabbia e dal pregiudizio. E diventate offensivi e arroganti. E comunque la vostra risposta mi dice quanto pensavo, che di mafie non ne sapete un bel niente, al di fuori delle cose che sentite in TV e che leggete sui quotidiani. La mafia, anzi le mafie, non rappresentano solo e semplicemente un espediente di corruzione, di bustarelle, di sottrazione di fondi (Lusi), ma rappresentano un “sistema” bene organizzato, di gran lunga meglio organizzato dello Stato. Sotto ogni profili, economico-finanziario, politico, militare purtroppo. Sono uno Stato a sé che è riuscito a intrecciare rapporti forti e inestricabili con gli apparati dello Stato così come lo intendiamo. Avrei qualche buon libro da consigliarvi. Io non vi bacio le mani, perché non mi appartiene culturalmente, altri hanno baciato le mani, anche di dittatori.
        Perciò, cordiali saluti.

      • sporchibanchieri ha detto:

        Vieni sul Nostro blog a dirci: «Non esageriamo, per carità. Personalmente non credo che sia stata la scelta più opportuna, ma da qui a insinuare altro, ne corre» in relazione ad un Nostro articolo palesemente ironico, ti rispondiamo che vogliamo pensare in un tuo eccesso di ironia vista la tua critica, questa sì inopportuna, e ora vieni a fare la vittima, addirittura dicendoci che ci lasciamo «trasportare dalla rabbia e dal pregiudizio» e che diventiamo «offensivi e arroganti»? Ammazza che ipocrisia! Qui quella che si lascia trasportare dalla rabbia, dal pregiudizio e che diventa inopportuna, offensiva e arrogante sei proprio te. Hai la coda di paglia imbevuta di benzina. Guardati allo specchio che è meglio.
        Te lo spieghiamo per punti, tanto per venire in contro alla tua intelligenza ed alle tue capacità mentali.
        1) Quella che esagera e risulta essere inopportuna sei te, visto che ci dici di non esagerare e critichi la Nostra scelta affermandolo con toni eccessivi, non riuscendo a capire la palese ironia del Nostro articolo, a cominciare dall’immagine.
        2) Quella che si lascia trasportare dalla rabbia e dal pregiudizio diventando offensiva e arrogante sei proprio te, visto quanto detto al punto 1 e vista la tua affermazione «di mafie non ne sapete un bel niente». Più arrogante, presuntuosa, offensiva e piena di pregiudizi di così! Poi facci capire: saremmo stati offensivi perché, a seguito delle tue critiche inopportune che dimostravano che non avevi compreso assolutamente il senso dell’articolo, ti abbiamo detto «Vogliamo pensare in un tuo eccesso di ironia» e «baciamo le mani», anche questa volta con senso palesemente ironico? Non essere ridicola. È evidente che quella che si lascia trasportare dalla rabbia e dal pregiudizio sei proprio te.
        3) Il fatto di fornirci tutta la spegazione sul cosa sia la Mafia ed il consigliarci qualche “buon libro”, per di più con toni da maestrina saputella, conferma la tua estrema arroganza e presunzione. Fra l’altro dei libri che ci consigli poi non fornisci alcun titolo, ulteriore conferma della tua inutile arroganza.
        4) Tutta la tua spigazioncina su cosa sia la Mafia alla fine dimostra che ti contraddici da sola, o per lo meno fa affiorire i dubbi su una certa schizzofrenia. Cioè alla fine, affermi che la Mafia sia praticamente lo Stato, visti i suoi «rapporti forti e inestricabili con gli apparati dello Stato». Poi dici che sia un “sistema” di gran lunga meglio organizzato dello Stato e dopo affermi che sia uno Stato a sé. Ti sei scordata di dire che la Mafia sia uno Stato nello Stato. È più che evidente che in tale “sistema” rientri perfettamente il citato esempio relativo a Lusi. Ancora più ovvio risulterebbe l’inserimento, all’interno di tale “sistema”, dell’episodio che vede l’elezione come presidente della Commissione parlamentare antimafia di una persona totalmente incompetente sul tema, che addirittura pochi mesi prima aveva spudoratamente ammesso di non sapere nulla di Mafia (che fra l’altro, come detto da Pif alla Leopolda, non è proprio un bel messaggio da dare durante la propria campagna elettorale, per di più in Calabria). Ma ormai è evidente che la logica e la coerenza non sono il tuo forte.
        5) Nessuno a mai preteso di conoscere la tua storia personale e la tua vita o messo in dubbio il tuo impegno civile, a differenza tua. Questa ulteriore frase conferma la tua ipocrisia, la tua rabbia ed il tuo pregiudizio.
        6) La tua rabbia ed il tuo nervosismo risultano evidenti anche dalla frase «Io non vi bacio le mani, perché non mi appartiene culturalmente, altri hanno baciato le mani, anche di dittatori», che denota ancora una volta la tua totale mancanza di ironia e di intelligenza per comprenderla. Fra l’altro la frase è completamente inutile, come del resto tutti i tuoi commenti. Dire che altri hanno baciato le mani, anche di dittatori, non ha senso. È come dire che altri hanno mangiato le lasagne o sono andati a cavallo, anche dei criminali. E che vorrebbe dire? Come se baciare le mani di per sé fosse una cosa negativa.
        7) Anche il tuo congedarti con la frase “cordiali saluti”, dopo tutte le tue affermazioni, conferma ulteriormente la tua ipocrisia.

        Anche Noi avremmo da consigliarti qualche libro da leggere, a cominciare dal Galateo. Il problema è che il libri, oltre ad essere letti, dovrebbero anche essere compresi e, a giudicare da come hai compreso questo Nostro articolo palesemente ironico relativo ad una gaffe di Rosy Bindi, forse sarebbe meglio non perdere tempo in consigli. Se proprio dovessimo, al massimo ti consiglieremmo di prenderti diverse camomille doppie e qualche dose di valeriana.

  2. Agata Amantia ha detto:

    Impara a scrivere, prima di rispondere. La lingua italiana è una bella lingua, se ben parlata e ben scritta. Il discorso si chiude qui, non credo di avere altro da dire.

    • sporchibanchieri ha detto:

      Brava, visto che ti abbiamo detto che non sai comprendere ciò che leggi, cosa per altro dimostrata ed argomentata, rispondi “impara a scrivere” (cosa da dimostrare), senza un minimo di argomentazione. Tipico delle persone insignificanti e presuntuose. Smettila di importunare il prossimo con i tuoi ridicoli discorsi. La lingua italiana sarebbe una bella lingua, se ben parlata e ben scritta (magari imparando ad utilizzare il condizionale, già che ci siamo). Sarebbe ancora più bello se oltre alla forma ci fossero anche dei contenuti decenti. Anzi, avere qualcosa di valido da dire sarebbe ancora più importante del modo in cui si esprime.
      Il discorso per Noi poteva benissimo non cominciare, sei te che sei venuta a “casa Nostra” a fare delle inutili critiche. Che non avevi niente da dire, l’avevamo capito fin dall’inizio. Speriamo che per una volta tu sia coerente con quello che dici.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...